L'Ordine Domenicano a Macerata

1690 Sr. M. Giacinta Bassi, monaca domenicana, proveniente dal Monastero di Conegliano Veneto insieme a quattro nipoti, giunge a Macerata per fondare il primo dei tre cenacoli Eucaristici Domenicani, in terra marchigiana.


1692 La piccola Comunità prende dimora in un antico e fatiscente conservatorio per Orfane.


1810 Durante il governo Napoleonico, le monache, in numero di 25, furono violentemente espulse dal loro Monastero.

1824 Rientrarono nel loro Monastero restaurato dalla Madre Mignardi guidata dal Santo Vescovo Mons. Vincenzo Strambi .

 

Sopravvissute con diverse strategie alla legge del demanio del 1860, il 21 Marzo del 1903, dopo grandi risparmi e con la mediazione della baronessa Annunziata Narducci il Monastero venne riscattato dal demanio.

1928 Le Monache ottennero dalla S. Sede la facoltà dell'esposizione del SS.mo Sacramento per conformarsi al desiderio della Madre che aveva fondato il Monastero con lo scopo preciso dell'adorazione quotidiana tutt'ora vigente e che continuerà ad esserlo ancora nel nuovo Monastero.

"Elette all'ufficio della lode divina, noi monache, insieme a Cristo, rendiamo gloria Dio per l'eterno."

 

 

 

 

 

 

adorazione monache